martedì 12 ottobre 2010

Il PD non difenderà la casta

Non è ricandidabile da parte del Partito Democratico per la carica di componente del Parlamento nazionale ed europeo chi ha ricoperto detta carica per la durata di tre mandati.

(Statuto del Partito Democratico, Articolo 22 - comma 2)

Così recita lo Statuto del Partito Democratico. E allora cerchiamo di capire chi è già da ora “fuori regola”. Certo, esistono anche le deroghe, ma di questo dopo.



Alla Camera (PD – 206 deputati )


Massimo D'Alema
7 legislature
X(1987), XI(1992), XII(1994), XIII, XIV, XV, XVI
Livia Turco
7 legislature
X, XI, XII, XIII, XIV, XV(Senato), XVI
Walter Veltroni
6 legislature
X, XI, XII, XIII, XIV, XVI

Elenco delle Legislature

Rosi Bindi
5 legislaure
XII, XIII, XIV, XV, XVI.
Pierluigi Castagnetti
5 legislaure
X, XI, XIV, XV, XVI.
Piero Fassino
5 legislaure
XII, XIII, XIV, XV, XVI.
Giovanna Melandri
5 legislaure
XII, XIII, XIV, XV, XVI.
A.Soro
5 legislaure
XII, XIII, XIV, XV, XVI.




S.Amici
4 legislature - n.c.
XII, XIV, XV, XVI.
G. Bressa
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
L. Duilio
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
G. Fioroni
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
A. Luongo
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
A. Maran
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
C.Marini
4 legislature - n.c.
XII, XIII, XV, XVI.
G. Merlo
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
A.M.L. Parisi
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
M.Pepe
4 legislature - n.c.
XII, XIII, XV, XVI.
G.Servodio
4 legislature - n.c.
XII, XIII, XV, XVI.
A. Sesa
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
U. Sposetti
4 legislature
X – XI > (Senato), XV, XVI.
M.Ventura
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.

G. Albonetti
3 legislature
XIV, XV, XVI.
P. Bersani
3 legislature
XIV, XV, XVI.
O. D'Antona
3 legislature
XIV, XV, XVI.
S. D'Antoni
3 legislature
XIV, XV, XVI.
A. Fluvi
3 legislature
XIV, XV, XVI.
D. Franceschini
3 legislature
XIV, XV, XVI.
P. S. Gentiloni
3 legislature
XIV, XV, XVI.
R. Giachetti
3 legislature
XIV, XV, XVI.
A. Giacomelli
3 legislature
XIV, XV, XVI.
E. Letta
3 legislature
XIV, XV, XVI.
A. Lulli
3 legislature
XIV, XV, XVI.
R. Mariani
3 legislature
XIV, XV, XVI.
A. Martella
3 legislature
XIV, XV, XVI.
M.P. Meta
3 legislature
XIV, XV, XVI.
M. Migliavacca
3 legislature - n.c.
XIII, XV, XVI.
M. Minniti
3 legislature
XIV, XV, XVI.
C. Motta
3 legislature
XIV, XV, XVI.
R. Nannicini
3 legislature
XIV, XV, XVI.
E. Quartiani
3 legislature
XIV, XV, XVI.
N. N.Oliverio
3 legislature
XIV, XV, XVI.
L.Pistelli
3 legislature - n.c.
XIII, XIV, XVI.
B. Pollastrini
3 legislature
XIV, XV, XVI.
E. Realacci
3 legislature
XIV, XV, XVI.
A. Rugghia
3 legislature
XIV, XV, XVI.
B. M. Salvino
3 legislature
XIV, XV, XVI.
G.Santagata
3 legislature
XIV, XV, XVI.
M. Sereni
3 legislature
XIV, XV, XVI.
I. Tino
3 legislature
XIV, XV, XVI.
W. Tocci
3 legislature
XIV, XV, XVI.
R. Zaccaria
3 legislature
XIV, XV, XVI.
M. Zunino
3 legislature
XIV, XV, XVI.


Al Senato – (PD 112 senatori)

Emma Bonino
8 legislature
VII-VIII-XIX-X-XI-XII,XV> Camera
XVI.
Anna Finocchiaro  
7 legislature
X-XI-XII-XIII-XIV-XV > Camera XVI.
Franco Marini
6 legislature
XI-XII-XIII-XIV> Camera
XV-XVI.
M.Serafini
6 legislature - n.c.
X-XI-XII-XIII > Camera
XV-XVI.
Giuseppe Lumia
5 legislature
XII-XIII-XIV-XV> Camera XVI.
Enrico Morando
5 legislature
XII, XIII, XIV,XV, XVI


M. Agostini
4 legislature – n.c.
XII-XIII-XIV > Camera
XVI.
E. Bianco
4 legislature – n.c.
XI, XIV > Camera
XV-XVI.
Antonio Cabras
4 legislature
XIII-XIV> Camera
XV, XVI.
F.Chiaramonte
4 legislature - n.c.
XI–XIV–XV > Camera
XVI.
M.P. Garavaglia
4 legislature -n.c.
VIII-IX-X,XI > Camera
XVI.
Marco Follini
4 legislature
XIII – XIV> Camera
XV, XVI.
Paolo Giarretta
4 legislature
XIII, XIV, XV, XVI.
T.Treu
4 legislature - n.c.
XIII (Camera), XIV, XV, XVI.

E. Baio
3 legislature
XIV,XV, XVI.
V. Chiti
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI.
M. Fistarol 
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI
V. Franco
3 legislature
XIV,XV, XVI.
C. Garraffa
3 legislature
XIV,XV, XVI.
M. Gasbarri
3 legislature
XIV,XV, XVI.
N. Latorre
3 legislature
XIV,XV, XVI.
G. Legnini
3 legislature
XIV,XV, XVI.
M. Magistrelli
3 legislature
XIV,XV, XVI.
M. M. Marino
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI.
M. Riccardo
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI.
A. Papania
3 legislature
XIV,XV, XVI.
R. Pinotti
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI.
N. Rossi
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI.
A. Rusconi 
3 legislature
XIV-XV> Camera
XVI.
A. Soliani
3 legislature
XIV,XV, XVI.
G. Tonini
3 legislature
XIV,XV, XVI.
W.Vitali
3 legislature
XIV,XV, XVI.
L. Zanda
3 legislature
XIV,XV, XVI.
Sergio Zavoli
3 legislature
XIV,XV, XVI.
D. Mazzucconi
3 legislature – n.c.
X-XI > Camera
XVI.

Questo è quanto. La banale radiografia della situazione attuale,
Tutto qui? No, amiche e compagni. Purtroppo no. Sarebbe bello che il mondo fosse così semplice e lineare: TRE MANDATI – ricambio politico. Come da Statuto, come negli altri paesi occidentali normali. Invece no. Secondo capitolo: “esistono le deroghe”.

(?) PD NON DIFENDERA' LA CASTA (?)

Sempre dallo Statuto:
Art 22., comma 6. Eventuali deroghe alle disposizioni di cui ai commi precedenti devono essere deliberate dal Coordinamento nazionale con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei suoi componenti, su proposta motivata dell’Assemblea del livello territoriale corrispondente all’organo istituzionale per il quale la deroga viene richiesta. Per le cariche istituzionali europee, la proposta viene formulata dal medesimo Coordinamento nazionale.

comma 7. La deroga può essere concessa soltanto sulla base di una relazione che evidenzi in maniera analitica il contributo fondamentale che, in virtù dall’esperienza politico‐istituzionale, delle competenze e della capacità di lavoro, il soggetto per il quale viene richiesta la deroga potrà dare nel successivo mandato all’attività del Partito Democratico attraverso l’esercizio della specifica carica in questione. La deroga può essere concessa, su richiesta esclusiva degli interessati, per un numero di casi non superiore, nella stessa elezione, al 10% degli eletti del Partito Democratico nella corrispondente tornata elettorale precedente.

Così lo Statuto. Queste le regole. Da parte nostra ne aggiungiamo una semplice e di Buon Senso. Recita così: “Le regole possono avere delle eccezioni, ma devono essere, per l'appunto, motivate da circostanze eccezionali. Per esempio, è sensata l'eccezione per il segretario nazionale del PD, perché è utile al partito avere il proprio leader in Parlamento; analogamente si potrebbero ammettere eccezioni per personalità politiche di assoluto prestigio, ma da contare sulle dita di una mano. Cosa intendere per “assoluto prestigio”? Le personalità il cui apporto sia particolarmente utile in Parlamento, sia per competenze che per "virtù civili", al fine di contribuire a quello che è il più alto, delicato, e difficile compito: legiferare”.

E che nessuno d'ora in poi dica: “ANCHE IL PD DIFENDE LA CASTA”. Non è vero. Non è vero?
Sarà. Buona fortuna Partito Democratico


4 commenti:

  1. Le deroghe AFAIK dovrebbero essere massimo del 10% sul monte eletti la volta precedente.
    Es: eletti 200 deroghe 20
    In questo senso è accettabile (per me)

    Filippo Filippini

    RispondiElimina
  2. Nessuna deroga.
    Altrimenti una regola non è regola.
    Le personalità, se davvero hanno "assoluto prestigio", possono fare politica anche fuori dal parlamento.

    Giuseppe Pontrelli
    http://www.facebook.com/group.php?gid=405999250312

    RispondiElimina
  3. Piero Filotico15 ottobre 2010 10:03

    In questo paese la deroga è diventata regola. Di qui il disconoscimento del merito, la tolleranza del demerito, l'incertezza del futuro, la caduta del senso del dovere.
    Le regole vanno fatte osservare: lo Statuto va rispettato. Non c'è altro da aggiungere. Punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora niente primarie, Bersani candidato e Renzi a guardare. Questo dice lo statuto! Siamo sicuri che sia il meglio?

      Elimina